Ancora nessun commento

Piccole Note – 19 settembre 2021

Il Vangelo della domenica

«Rispose Gesù: “In verità, in verità io ti dico, se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio”» (Gv 3, 5)

Questa risposta a Nicodemo evoca il Battesimo, che ci porta dentro il Regno di Dio da figli. Ci ricorda che si può rimanere stupiti, incuriositi, attratti da Lui, ma il comprendere dal di dentro questa nuovissima esperienza è possibile solo a chi muore e risorge. Non è solo un’emozione forte o una nuova comprensione intellettuale. È un’altra cosa. È avere le proprie radici in Cielo, è entrare in un’altra dimensione che ti viene regalata. È un partire dall’Alto e non dal basso e quando ciò accade Dio diventa più reale di qualunque altra cosa tu possa vedere e toccare.

Papa Francesco in Ungheria

Quando santo Stefano scrisse i suoi Ammonimenti al figlio Emerico, è a lui soltanto che egli si rivolgeva? È questa la domanda che vi ponevo, nel corso del mio primo viaggio pastorale in Ungheria, durante l’indimenticabile celebrazione avvenuta nella Piazza degli Eroi, il 20 agosto del 1991. Osservavo allora: «Non ha forse il Santo Re scritto i suoi Ammonimenti per tutte le future generazioni degli Ungheresi, per tutti gli eredi della sua corona? Il Re che voi venerate, cari figli e figlie della Nazione ungherese, vi ha lasciato come eredità non soltanto la sacra corona, ricevuta dal Papa Silvestro II, ma vi ha lasciato anche un testamento spirituale, un’eredità di valori fondamentali e indistruttibili: la vera casa costruita sulla roccia». Resta, inoltre, sempre attuale quanto il Santo Re, in quel testo venerando, ricordava al figlio: «Un paese che ha una sola lingua e un solo costume è debole e cadente. Per questo ti raccomando di accogliere benevolmente i forestieri e di tenerli in onore, così che preferiscano stare piuttosto da te che non altrove» (Ammonimenti, VI).Come non ammirare la lungimiranza di un simile monito? Vi è delineata la concezione di uno Stato moderno, aperto verso le necessità di tutti, alla luce del Vangelo di Cristo.

Giovanni Paolo II citato da Papa Francesco nel viaggio in Ungheria

 

AVVISI                                                     19  settembre   2021

Giornata del seminario

Nella nostra diocesi si celebra oggi la giornata del Seminario. E’ un invito a ricordarsi di questo luogo dove si formano i giovani preti in anni di riflessione, studio ed esperienze significative.

In particolare in questo anno siamo chiamati a sostenere il Seminario con la preghiera e le nostre offerte perché due giovani che frequentano la nostra parrocchia e hanno accompagnato don Gabriele nel lavoro educativo sono entrati in Seminario in questi giorni. Sono Daniele Gazzoli e Michele Orfano. Li vogliamo accompagnare con la preghiera e anche un aiuto per il loro sostentamento.

Siamo grati a loro per la decisione di dedicare l’esistenza al Signore e alla chiesa: è un piccolo ma significativo segno per i nostri ragazzi e giovani per le loro scelte.

Nel pomeriggio alle 17.00 durante l’adorazione eucaristica pregheremo per le vocazioni.

Santi

Martedì 21 settembre celebriamo la festa dell’Evangelista  Matteo e giovedì 23 il ricordo di Padre Pio da Pietralcina.

Iscrizioni al Catechismo

Alle porte della chiesa e su Piccole Note trovate il calendario delle iscrizioni al catechismo e alle attività educative

Per sostegno alla parrocchia

Per contribuire economicamente lo puoi fare in questo modo

Bonifico al seguente IBAN IT87W0306909606100000066416

Satispay, cerca (tra i negozi virtuali) Parrocchia Dergano e dona