Ancora nessun commento

Piccole Note – 2 febbraio 2020

PRESENTAZIONE DI GESU’

 «Ora puoi lasciare, o Signore,  che il tuo servo vada in pace» (Lc 2, 29

Simeone ha raggiunto il traguardo, ha incontrato Dio. L’ha visto in un bambino piccolo, i suoi occhi pieni di fede hanno saputo riconoscere e vedere l’invisibile. Tanti santi raccontano che quando si è sfiorato il Paradiso le cose di questa terra perdono interesse, il cuore corre verso quella gioia indescrivibile che non muore, che è pienezza di luce.

Ma questa esperienza non è riservata a pochi eletti: quando si vive con intensità la Parola, quando l’amore per i fratelli è radicale e vero si può sperimentare qualcosa che è difficile descrivere e che da senso pieno all’esistenza sulla terra.

“ E’ vero. Non tutti fanno l’esperienza di essere accolti da coloro che li hanno generati: numerose sono le forme di aborto, di abbandono, di maltrattamento e di abuso. Davanti a queste azioni disumane Ogni persona prova un senso di ribellione o di vergogna. Dietro a questi sentimenti si nasconde l’attesa delusa e tradita, ma può fiorire anche la speranza radicale di far fruttare i talenti ricevuti.

Solo così si può diventare responsabili verso gli altri e “gettare un ponte tra quella cura che si è ricevuta fin dall’inizio della vita, e che ha consentito ad essa di dispiegarsi in tutto l’arco del suo svolgersi, e la cura da prestare responsabilmente agli altri”. Se diventiamo consapevoli e riconoscenti della porta che ci è stata aperta, e di cui la nostra carne, con le sue relazioni e incontri, è testimonianza, potremo aprire la porta agli altri viventi. Nasce da qui l’impegno di custodire e proteggere la vita umana dall’inizio fino al suo naturale termine e di combattere ogni forma di violazione della dignità, anche quando è in gioco la tecnologia o l’economia.”

Dal messaggio del Consiglio Episcopale permanete della CEI per la 42° Giornata Nazionale per la Vita, 2 febbraio 2020

 

AVVISI                                         

 Festa della Presentazione del Signore

La festa di oggi ci ricorda che Gesù è la luce del mondo e che compito della nostra vista è riconoscerlo e portare a tutti la luce della sua presenza. Questo è anche il senso della candele benedette che sono a disposizione di tutti da portare nelle case.

Giornata della vita

Oggi si celebra in tutta Italia la giornata della vita. Nel messaggio dei Vescovi c’è per tutti un richiamo al valore della vita dal suo inizio nel concepimento e fino alla sua conclusione. L’invito è ad essere testimoni di questo dono e a salvaguardarlo in ogni condizione.

Le primule che vi sono offerte alle porte della Chiesa sono un richiamo al compito che è affidato a ciascuno di noi e a sostenere il lavoro così significativo che il Consultorio la Famiglia svolge nei nostri quartieri a favore di tutti.

Mercatino dell’usato

E’ aperto e vi invitiamo a visitare il mercatino dell’usato nel nuovo salone. Gli orari li trovate sulle locandine. Si concluderà domenica 9 febbraio .

Serata insieme

Sabato 8 febbraio siamo invitati a partecipare ad una serata con cena e gioco che si svolgerà nel salone Bar. Vuol essere la prima occasione di serate familiari insieme.

Sarà condotta dai nostri studenti delle superiori. Le iscrizioni si possono fare in segreteria. Il ricavato servirà per la sistemazione delle aule di catechismo.

Martedì 11 febbraio  alle ore 16,00 in occasione della festa della Madonna di Lourdes invitiamo gli anziani e i malati ad una celebrazione di preghiera in Chiesa, cui seguirà un momento di amicizia.